Cambio e rabbocco dell’olio motore: come farlo nel modo giusto

Tempo di lettura: 8 minuti

Questo articolo chiarirà tutti i tuoi dubbi su come rabboccare ed effettuare il cambio olio motore completo  della tua auto. Ci sono infatti una serie di operazioni e piccole accortezze che fanno la differenza.

Se poi hai una vecchia auto, che nel tempo non ha rispettato gli intervalli di cambio dell’olio e ha per questo dei problemi al motore, vedremo come migliorare la situazione con un additivo che pulisce completamente il circuito di lubrificazione, da usare prima del cambio olio.

Tutto parte però dalla scelta dell’olio adatto al tuo motore.

Come scegliere l’olio motore

Prima di iniziare è di fondamentale importanza la scelta dell’olio motore. Deve essere quello “giusto” e di alta “qualità”, ma come riconoscerlo? E come trovare quello giusto tra i tantissimi codici che trovi sulle confezioni?

La risposta la trovi nel nostra guida completa alla scelta dell’olio motore, consultandola troverai tutte le risposte che cerchi e soprattutto potrai acquistare l’olio giusto per il prossimo cambio e per i futuri rabbocchi.

Ogni quanto fare il cambio dell’olio del motore?

Quando acquistano il materiale per il tagliando, sempre più spesso i miei clienti mi chiedono ogni quanto va sostituito l’olio del motore. Cercando su internet o chiedendo anche a meccanici o ricambisti, puoi trovare tutto e il contrario di tutto, ma cerchiamo di fare un po’ di ordine anche su questo importante aspetto.

Se ci pensi bene solo la casa automobilistica conosce tutte le informazioni sul motore della tua auto, per cui ti basterà semplicemente aprire il libretto di uso e manutenzione per scoprire ogni quanto dovrai sostituire l’olio motore e il filtro.

Ricordati di cambiare sempre l’olio insieme al filtro dell’olio.

E’ molto raro, ma non impossibile, trovare chi pensa ancora di cambiare l’olio senza impiegare un nuovo filtro: questa operazione assolutamente scorretta va evitata in quanto il filtro otturato e sporco porterà il lubrificante a passare dalla valvola di bypass senza essere filtrato e creando importanti danni al motore.

La casa automobilistica sul libretto di manutenzione riporta, in funzione del motore installato sulla tua auto, un’ indicazione in termini di chilometri e di tempo massimi entro i quali l’olio deve essere assolutamente cambiato:

  • se raggiungo prima del tempo massimo previsto i chilometri indicati cosa devo fare?
  • se supero il tempo massimo indicato senza aver ancora percorso tutti i chilometri, come mi devo comportare?

In entrambi i casi devi sostituire sempre olio e filtro!

Che succede se non cambi l’olio motore

Il problema principale dell’olio è il suo deterioramento. Col passare del tempo e dei chilometri infatti, l’olio viene contaminato da:

  • lo smeriglio prodotto dalle parti in movimento
  • il carburante
  • i residui prodotti della combustione ed i residui carboniosi

Quando l’olio si degrada perde le sue proprietà e la sua capacità di lubrificare, ma non solo.

Le sempre più alte temperature che si raggiungono nei motori fanno evaporare le molecole più piccole, ed altre cominciano ad ossidarsi. Questi fenomeni ne alterano la composizione chimica e il suo indice di viscosità. Se hai letto questo articolo, sai bene quanto sia importante mantenere il corretto indice di viscosità. A questo punto il potere lubrificante dell’olio viene meno e la sua maggiore densità lo rende più difficile da pompare.

La foto seguente mostra un caso estremo di un motore (impossibile da riparare) con olio mai cambiato: l’olio ha perso da tempo le sue proprietà assumendo una viscosità paragonabile a quella del grasso.

coppa olio degradato

La sostituzione regolare dell’olio è fondamentale quindi per evitare di danneggiare irrimediabilmente il motore. La casa automobilistica ha indicato nel libretto d’uso e manutenzione i tempi e chilometri massimi, frutto di prove empiriche e calcoli statistici oltre i quali l’olio è sicuramente da cambiare.

motore olio degradato

Se posso darti un consiglio cerca, quando possibile, di anticipare sempre il cambio dell’olio. Questo ti permetterà di tenere sempre pulito ed efficiente il motore, allungandone la vita ed evitando interventi frequenti e costosi legati alle inefficienze/rotture.

Tanto per darti una idea, in media i costruttori auto prevedono di sostituire l’olio ogni 15-20.000 km o ogni due anni.

Come effettuare la pulizia dell’impianto di lubrificazione (prima del cambio olio motore)

Un aspetto assolutamente fondamentale, ma decisamente trascurato, è la manutenzione del circuito di lubrificazione del motore. Quando sostituisci l’olio, molto semplicemente il tuo meccanico sviterà il tappo filettato dalla coppa e da lì uscirà per gravità l’olio presente nell’impianto.

Tale pratica, per quanto corretta, non consente di tenere pulito ed efficiente il circuito di lubrificazione in quanto tutte le morchie, gomme, smeriglio etc, restano all’interno del motore continuando a girare insieme al nuovo olio che andrai a mettere, contaminandolo e ostruendo possibilmente i passaggi con diametri minori.

E’ un problema molto comune soprattutto nel caso di vecchi motori in cui sono stati impiegati oli di scarsa qualità e/o comunque non rispettando gli intervalli di sostituzione previsti. Ho iniziato a testare una serie di prodotti “miracolosi” che promettono una manutenzione accurata dell’impianto, ma a mio avviso sono risultati costosi e poco efficienti. Tra i tanti provati, l’unico additivo che ha fornito ottimi risultati e soprattutto duraturi nel tempo, è stato il Bardahl Engine Tune-Up and Flush.

bardahl engine tune-up and flush

bardahl_engine_tune_up

Lo puoi trovare ancora in commercio nella lattina (vecchio formato), oppure già nella nuova confezione di plastica commercializzata di recente. Esiste solo in questo formato da circa 1/3 di litro, è compatibile con tutti i motori diesel/benzina/metano/GPL e ha un costo medio di circa 20€.

Si tratta di un additivo sicuramente più caro rispetto ad altri prodotti concorrenti, ma che vale veramente tutti i soldi chiesti.

Dovrai comprarlo poco prima dell cambio olio motore e versare l’intero flacone nell’impianto di lubrificazione (svitando il tappo da cui rabbocchi l’olio) e facendo girare il motore per circa 200 km, oppure tenerlo accelerato per circa 20-30 minuti. A quel punto potrai far scaricare completamente l’impianto di lubrificazione mettendo il nuovo olio e filtro.

Se anche tu sei scettico come me, dopo aver usato l’additivo pulitore, guarda il recipiente dove il meccanico scarica il vecchio olio e troverai in sospensione anche molte particelle solide come gomme, smeriglio, morchie. Ti assicuro che la scena cambia totalmente rispetto ad un cambio olio tradizionale, ossia se sostituisci l’olio senza aver utilizzato l’additivo che pulisce il circuito o se ne usi uno di scarsa qualità.

Ti consiglio vivamente di usare questo prodotto prima ogni tagliando: ti aiuterà a tenere il tuo motore sempre pulito ed efficiente, allungandone la vita e riducendo assolutamente un inutile spreco di denaro e tempo legato ai danni/guasti causati ai componenti del motore dall’impianto di lubrificazione.

L’importanza del filtro dell’olio

Come già detto, è di fondamentale importanza che il tuo meccanico cambi sempre il filtro insieme all’olio.

I filtri dell’olio possono essere di due tipi: a cartuccia (avvitabile), oppure ad immersione (di carta); in entrambi i casi si tratta comunque di un ricambio di pochi euro.

filtro olio motore

Il filtro avvitabile è presente sul mercato da tantissimi anni: è composto da una corpo in metallo all’interno del quale è alloggiato l’elemento filtrante in cellulosa. La guarnizione, una volta oleata in fase di montaggio, garantisce la tenuta ed evita trafilamenti. Al suo interno è presente una valvola di bypass opportunamente tarata. Se l’eccessivo sporcamento del filtro causa l’aumento di pressione, la valvola consente all’olio di bypassare l’elemento filtrante proseguendo la sua corsa all’interno del circuito. La rimozione del vecchio filtro avviene con una chiave a catena o apposite chiavi a “tazza”.

esploso filtro olio

Il filtro ad immersione oggi  è sempre più usato dalla maggior parte delle case automobilistiche per la sua economicità. Basta svitare con apposita chiave un coperchio (in genere in plastica, più raramente in alluminio) per rimuovere dal suo alloggio il vecchio filtro. E’ fondamentale ricordarsi di sostituire anche la guarnizione di tenuta del coperchio, venduta in dotazione insieme al filtro e di olearla prima di rimontarla.

Come si cambia l’olio motore?

Per quanto possa sembrare un aspetto molto elementare, ho deciso comunque di trattare in questo articolo anche l’operazione del cambio olio motore cercando di illustrarti pro e contro dei metodi impiegati dai meccanici.

Cambio olio motore dal basso

Nella quasi totalità dei casi, l’olio viene scaricato sollevando l’auto su un ponte o lasciandola su una fossa e si procede dal basso svitando la vite filettata sulla coppa. Per gravità l’olio andrà verso il basso fuoriuscendo dalla coppa del motore. Ovviamente il tuo meccanico dovrà anche cambiare il filtro dell’olio insieme all’olio.

esploso filtro olio

Questa soluzione, per quanto apparentemente semplice, porta alla frequente rottura e quindi sostituzione del coperchio del filtro (elemento 4 della foto).

coperchio olio multijet

A parte BMW che adotta in genere un coperchio in alluminio, tutte le altre case come il gruppo PSA, gruppo Fiat, Ford, Renault, Mercedes, etc. adottano un coperchio di scarsa qualità realizzato in plastica.

Provare a svitare questo coperchio sfruttando l’impronta esagonale, porta alla frequente rottura dello stesso (come spesso accade nei motori 1.3 multijet), andando incontro ad un inutile spreco di tempo e denaro. Per ovviare a questo problema, alcuni costruttori hanno pensato di sagomare il tappo lungo il bordo, di modo che possa essere smontato senza danneggiarlo.

Lo svuotamento dell’impianto di lubrificazione dal basso causa quindi il danneggiamento del tappo della coppa, ma non preoccuparti, si tratta di un ricambio di pochi euro.

Il vantaggio di questa soluzione è che si tratta di un’intervento molto rapido e pratico, e permette di svuotare completamente l’impianto di lubrificazione.

Cambio olio motore dall’alto

Per svuotare l’impianto esiste una seconda alternativa: quella di aspirare l’olio motore dall’alto mediante una pompa che genera il vuoto. E’ una soluzione meno pratica e più lunga, per cui meno impiegata.

Il vantaggio di questa operazione è che non devi intervenire dal basso, per cui non serve una fossa di ispezione o un sollevatore e non dovrà svitare il tappo rischiando di danneggiarlo, ma di contro non sarà possibile aspirare completamente l’olio dal circuito.

Cambio olio motore in officina o fai da te?

La sostituzione dell’olio, per quanto sia un’operazione semplice, non dovresti eseguirla con il fai da te,ma è meglio rivolgersi ad un’officina.

L’olio esausto è un rifiuto speciale e va smaltito e trattato secondo le modalità stabilite dalle legge vigenti in materia.

Si tratta comunque di una operazione molto veloce e abbastanza economica.

Il prezzo può chiaramente variare in base alla collocazione geografica dell’officina, alla professionalità del riparatore, a seconda che si tratti di un intervento realizzato da una officina ufficiale piuttosto che da una indipendente.

Come fare il rabbocco dell’olio motore

Rabbocco Olio MotoreConviene sempre avere a disposizione dell’olio motore per poter effettuare la semplice operazione del rabbocco.

Nel corso del tempo, tra un cambio olio e l’altro, può infatti accadere che il livello dell’olio scenda sotto il minimo consentito e che sia necessario rabboccarlo per riportare il sistema di lubrificazione alla sua piena efficienza.

Capiamo quindi come compiere le semplici operazioni di controllo del livello e rabbocco

Come controllare il livello dell’olio nel motore

E’ buona norma controllare periodicamente il livello dell’olio nel motore. Si tratta di una operazione semplicissima che puoi effettuare da solo in pochi minuti.

Non dovrai fare altro che:

  • parcheggiare la tua auto in piano
  • aspettare che il motore si raffreddi
  • tirare l’astina dell’olio
  • asciugare l’astina con un panno assorbente
  • inserirla nuovamente nella tramoggia
  • sfilarla ed effettuare la lettura: se il livello è corretto, l’olio dovrà essere compreso sempre tra le tacche di minimo e massimo.

livello astina olioLe astine possono avere riferimenti di min e max differenti, ma il metodo di lettura non cambia affatto.

Il video seguente in pochi minuti ti mostrerà in dettaglio come effettuare questo semplice controllo.

Come fare il rabbocco: i (pochi) consigli fondamentali

Se dal controllo ti accorgi che il livello dell’olio è al di sotto del minimo, rabbocca impiegando l’olio che rispetti le specifiche indicate  sul libretto di manutenzione, fino a raggiungere un livello sull’astina compreso tra minimo e massimo.

Fai attenzione a non superare mai il livello massimo altrimenti rischieresti di tappare il condotto di blow by facendo aumentare la contro-pressione nel carter: l’olio verrà aspirato tramite il blow by in camera di combustione dove brucerà in maniera incontrollata, fino ad esaurirsi, portando al grippaggio il motore.

Altra importante raccomandazione: non mischiare mai oli differenti anche se per fare un semplice rabbocco.

Il costruttore indica sul libretto di manutenzione un consumo di olio ogni tot chilometri, se la quantità rabboccata rientra nei limiti previsti, allora non hai nulla di cui preoccuparti.

Il problema della rottura delle astine dell’olio

Quando apri la coppa dell’olio per fare il rabbocco potresti avere una spiacevole sorpresa. Non trovare l’astina! Tranquillo niente di grave. E’ dovuto alla ricerca disperata del risparmio, che ha portato alcuni costruttori (come Renault, Citroen e Peugeot) a produrre della astine in plastica e non più in metallo: a causa degli sbalzi di temperatura, nel tempo si spezzano finendo nella coppa, per cui sarai costretto ad acquistare una nuova astina.astina olio plasticaAbbastanza curioso è il caso della tramoggia impiegata dal gruppo Volkswagen per la maggior parte se suoi motori: è interamente realizzata in plastica di colore arancione.tramoggia vw

Potrebbe rompersi in più punti anche la tramoggia, a causa degli stress termici, per cui dovrai recarti dal tuo ricambista per comprarne una nuova. Che io sappia, ad oggi, sono gli unici a optare per questa soluzione a mio avviso da scartare. Per quanto economica, dovrai comunque perdere del tempo per acquistarla a metterla a posto.

Ci sono però dei casi in cui il livello dell’olio si abbassa in maniera anomala o sale in maniera anomala, da cosa dipende?

Cause del consumo eccessivo di olio

Se nonostante i rabbocchi continuano ad esserci frequenti abbassamenti di livello, ovvero il consumo di olio è anomalo, fai presente il problema al tuo meccanico di fiducia.

Il consumo di olio può avere diverse cause tra cui:

  • trafilamento eccessivo di olio dai paraoli o dalla guarnizione della coppa dell’olio piuttosto che dal coperchio valvole
  • giochi eccessivi nella turbina che portano l’olio a finire sul lato scarico
  • usura dei segmenti dello stantuffo
  • l’impiego di olio fuori specifica

Livello sopra il massimo: quali sono le possibili cause

Se ti accorgi che il livello dell’olio supera il massimo, ti consiglio di recarti presso un’officina poiché ci potrebbe manifestarsi uno di questi due problemi:

  • l’olio potrebbe essersi miscelato con il gasolio a causa della rigenerazione del filtro antiparticolato
  • l’olio potrebbe essersi miscelato con acqua a causa del danneggiamento dello scambiatore di calore

 Conclusioni

In questo articolo abbiamo approfondito tutti gli aspetti legati al cambio olio motore, dalle operazioni preliminari di pulizia dell’impianto di lubrificazione, alle accortezze che bisogna fare attenzione (come il cambio del filtro e la sostituzione del tappo di plastica della coppa dell’olio).

Abbiamo inoltre visto la semplice operazione di rabbocco e cosa succede se il livello dell’olio sale o scende in maniera anomala.

Usa le informazioni di questo articolo per tenere sempre efficiente il tuo motore e condividile con i tuoi amici per aiutarli a prendersi cura delle loro auto, sotto l’articolo troverai tutti i pulsanti dei social network e anche di Whatsapp.

Prima o poi tutti dobbiamo fare il cambio e il rabbocco olio, perché non farlo nella maniera giusta? 😉